Cucina

La cucina di Bovec fa scoprire nuovi sapori e rispetta la tradizione della cucina locale.

Quando si diffondono i profumi della cucina di Bovec, solo pochi sono capaci di resistere al richiamo dei piatti tipici locali come le patate con la ricotta, la frattaglia, i saporiti krafi e il rinomato formaggio di Bovec, apprezzato ormai da secoli.  

Patate e ricotta
Antipasto tradizionale, di origine locale, prodotto con ingredienti organici, composto da patate (cotte e non sbucciate) e ricotta salata di pecora. C’è che chi a questa combinazione aggiunge fette di formaggio pecorino locale. Nonostante la semplicità del piatto, è molto apprezzato nella cucina slovena.

Dal nome dialettale delle patate (čompe) ha preso nome anche la manifestazione etnologica Notte delle patate (Čomparska noč).

Salame di camoscio
La preda più ambita dei cacciatori della valle era il camoscio. Il cosciotto veniva salato e leggermente affumicato per tre giorni con legna di faggio ed un ramo di ginepro. Con lo stesso metodo veniva preparata anche la carne di montone, la carne di pecora e capra.
Alcuni cacciatori preservano tuttora la tradizione di usare questa ricetta per la preparazione di vari salami e salsicce, mentre con il resto della carne fresca si preparano arrosti o il famoso brodo di camoscio.    

Carne d’agnello
La carne d’agnello è tuttora molto apprezzata. In passato gli abitanti di Bovec se la potevano permettere molto raramente, di solito una volta l’anno (per Pasqua e alla festa di Pentecoste). 

La carne dolce veniva salata, fregata con l’aglio, vi si aggiungeva un rametto di rosmarino e cotta in forno per più di un’ora.

Krafi di Bovec
Gli krafi di Bovec sono un dessert prelibato fatto con le pere locali che la gente del posto mangiava la sera di Natale.

Vengono cucinati nell’acqua salata e serviti cosparsi di burro sciolto, cannella e briciole di pane rosolate. 

Le varie ricette si differenziano un po’ l’una dall’altra, in tutte, comunque, viene usato come ingrediente principale le pere secche.

Preparazione degli krafi di Bovec:
Le “Kloce” (pere secche) vanno cotte e schiacciate per rendere più densa la farcia. Si aggiunge la farina di granturco, la cipolla rosolata, le noci tritate e l’uva passa. Alla fine vi si mescola lo zucchero e un po’ di rum. Con la pasta sbollentata si modellano dei fagottini da riempire con la farcia. 

In onore alle patate, un ortaggio molte volte essenziale nel passato per gli abitanti locali, è stata denominata la tradizionale manifestazione estiva, la Notte delle patate, che oltre all’importanza culinaria, sta assumendo un carattere sempre più divertente.

 

Ristoranti e bar >

 

Carta

Domini